Escursionismo – cosa mettere nello zaino per l’escursione?

04 Nov 2018 Escursioni Lazio Gianni

 

Arriva la sera prima dell'escursione e la domanda torna insistente: cosa mettere nello zaino?

Dopo aver visto per anni la varietà di oggetti che gli escursionisti si portano nello zaino o cosa non portano, ho deciso di condividere il mio pensiero su cosa mettere nello zaino per affrontare una escursione da soli o in compagnia. Una specie di check list minima che riporta gli elementi essenziali.

Tralasciando un'analisi sulla tipologia di zaini e sulla loro scelta in base alle esigenze (rimandandola ad un futuro articolo), anticipo che la preparazione dello zaino è qualcosa di dinamico, qualcosa che varia man mano che passano gli anni e aumenta l'esperienza.
Voglio dire che non esiste una verità assoluta - la check list perfetta - ma tutto dipenderà da vari fattori, tra cui l'esperienza, il tipo di escursione, la difficoltà del percorso, la durata dell'escursione, l'ambiente che si percorrerà, il clima e... le proprie paranoie!

Partiamo quindi con un elenco dei must have, ovvero quegli oggetti che, oltre allo zaino, non possono mai mancare. Idealmente potresti portare solo l'essenziale per avere uno zainetto "piuma", ma una regola sicura, da tenere in mente, sarà quella che il tuo zaino dovrebbe essere abbastanza grande per tutti gli oggetti di cui potresti aver bisogno.

 

Nello zaino - escursione montagna - Foto G. Garofoli

 

Vediamoli insieme:

La giacca impermeabile

Un posto speciale nello zaino dovrà essere sempre dedicato per una giacca impermeabile, un guscio tecnico, come si chiama adesso, leggero e comprimibile, perché rimanere sempre all'asciutto (e quindi non perdere il calore corporeo) è una delle prime necessità di chi pratica escursionismo! Bisogna infatti essere sempre pronti per i potenziali cambiamenti del tempo che potresti incontrare, portando con te una barriera protettiva contro pioggia e vento e che mantenga costante la tua temperatura. Esiste una grande varietà di gusti tecnici, per alpinismo e per escursionismo, magari ne parleremo in un'altra occasione (rimandiamo anche questa tematica ad un futuro articolo).

 

Le bevande

Ovviamente l'acqua è una priorità qualunque sia il tipo di escursione che tu debba affrontare, rimanere idratati è infatti della massima importanza. Si ricorda che si dovrebbero evitare sempre le bibite gasate. Si potrà quindi portare con se un serbatoio di idratazione, noto anche come Camel Bag, sconsigliato però per temperature sotto lo zero, o se preferisci portare semplicemente bottiglie d'acqua o borracce di alluminio o di acciaio. Per quanto riguarda la scelta migliore tra i diversi tipi di contenitori e la quantità d'acqua necessaria per una giornata di escursione ne parleremo in un'altra occasione (un altro futuro articolo).

 

Il cibo

E' assolutamente indispensabile che porti con te qualcosa che possa aiutarti a reintegrare le energie perse e ti possa sostenere durante lo sforzo della progressione. Ci sono tantissimi tipi di cibi studiati per chi fa sport, di diversi gusti e formati, sotto forma di barrette energetiche, ma ci sono anche i cibi tradizionali come la frutta (mela, banana), la frutta secca (noci, mandorle, nocciole, uva passa) e la cioccolata. Quale sia la tua scelta è fondamentale avere sempre qualcosa da mettere sotto i denti in caso di necessità. 

Nello zaino - barrette energetiche Nello zaino - frutta secca

Un kit del pronto soccorso

Per quanto riguarda il kit di pronto soccorso c’è chi come me preferisce comporre il suo in base alle proprie esigenze, c’è chi ne preferisce uno già pronto, con garze, cerotti, disinfettante e stick contro le punture di insetto.
Parti con un kit semplice con cerotti, garze e pochi medicinali di base di utilizzo noto (antidolorifici per eventuali storte e contratture, antistaminici per le allergie, stick contro le punture d’insetto, cerotti idrocolloidali per vesciche, etc.).

Nello zaino - Kit pronto soccorso

Il telo termico

Nello zaino ci deve essere poi il posto (veramente minimo) per il telo termico. Il telo termico è quel foglio di alluminio, con un lato dal colore oro ed un altro argento, che si vede spesso in televisione, che serve a trattenere il calore corporeo in caso di emergenza. Leggero e poco ingombrante ha un costo veramente irrisorio.

A proposito: il lato argentato protegge dal calore, quindi in caso di ipotermia l'argento va verso il corpo, mentre quello dorato serve in caso di colpo di calore, ovvero se ci si deve riparare dai raggi solari, la parte argento va verso il sole.

Nello zaino - telo termico

 

Un fischietto

Sembrerà una banalità, ma dovresti avere sempre con te a disposizione un fischietto, ne esistono di diverse fatture e materiali ma l'importante è che sia dal suono potente. Il fischietto è uno strumento semplice e poco ingombrante, ma che può veramente fare una grande differenza in caso di imprevisti e per farsi trovare quando occorre.

Nello zaino - fischietto

Un coltellino

Un oggetto di culto per i boyscout che non dovrebbe mai mancare nella tasca dello zaino è poi il coltellino multiuso o coltellino svizzero. Se non sei un patito delle lame ne basterà uno con i classici accessori di base, un paio di lame, le forbicine, la limetta, un cacciavite e... il cavatappi.

Nello zaino - coltello svizzero

Una torcia

Anche se ormai l'abbiamo nello smartphone, un altro oggetto irrinunciabile è la torcia o la pila frontale, indispensabile con batterie di riserva. Facilmente reperibile, oggi anche nei supermercati, non deve mai mancare nelle escursione anche giornaliere, specie quando si rischia di essere sorpresi dal tramonto.

Nello zaino - torcia frontale Nello zaino - torcia

 

e per finire... dei fiammiferi

Avere dei fiammiferi (meglio se antivento) e/o un accendino potrebbe fare la differenza in caso di emergenza, magari possono essere fondamentali per accendere un piccolo fuoco per scaldarsi o per richiamare l'attenzione.

Infine non dimenticare mai di portare dei fazzoletti di carta, almeno un pacchetto (alcuni preferiscono i fazzoletti umidificati).

 

Riassumendo

Questi gli oggetti must have nello zaino:

  • Giacca impermeabile
  • Acqua / bevande
  • Alimenti / snack
  • Kit di pronto soccorso
  • Telo di emergenza o telo termico
  • Fischietto
  • Coltellino svizzero
  • Torcia o lampada frontale
  • Batterie di riserva
  • Accendino/fiammiferi
  • Pacchetto di fazzolettini di carta

 

Naturalmente non segnalo in questa lista di oggetti obbligatori, i vari indumenti di scorta che possono essere utili a seconda della stagione e della quota in cui si svolge l'escursione, ma in linea generale consiglio sempre di portare nello zaino un indumento caldo, tipo felpa in estate o maglione in pile in autunno/inverno.

 

Nello zaino - outdoor montagna - Foto G. Garofoli

 

Oltre l'essenziale - la lista aggiuntiva 

Dopo aver iniziato ad utilizzare questa lista di oggetti indispensabili e "obbligatori", piano piano inizierai a costruire la tua check list per lo zaino e potresti sentire il bisogno di aggiungere altri oggetti come indispensabili, tra cui segnalo:

  • Un coprizaino impermeabile leggero, robusto, che si richiude in una piccola sacchetta, ne capirai l'utilità al primo acquazzone
  • La mappa del luogo che si esplora e/o una bussola, ma in entrambi i casi dovrai prima saperli usare altrimenti sarà un peso inutile. Se vai con una guida esperta potrai evitarla.
  • Un GPS, ma se non sai leggere una cartina allora potrebbe essere inutile averlo con se. Oggi esistono anche delle specifiche app per gli smartphone ma non hanno le stesse affidabilità di un dispositivo GPS: lo smartphone non è solitamente impermeabile e la carica della batteria è minore, spesso poi lo smartphone ha una minore precisione rispetto ad un dispositivo GPS da outdoor (con Glonass, Galileo, WAAS, etc). Se ti fa accompagnare da una guida potrai anche non portarlo.
  • Un binocolo (vanno molto bene anche i monocoli che riducono il peso garantendo una buona luminosità e ingrandimento)
  • Una sacca stagna in materiale idrorepellente per contenere oggetti personali mantenendoli asciutti
  • Un paio di guanti (un peso minimo da portare e grande beneficio in caso di utilizzo - ricorda che in caso di freddo le mani saranno le prime a soffrirne)
  • Un cappello (di cotone o di lana/pile a seconda della stagione - mai dimenticarselo!)
  • Un paio di occhiali da sole (proteggete gli occhi in montagna - non sottovalutate l'irradiazione solare che cresce con l'aumentare dell'altitudine)
  • Una protezione solare (in montagna portala sempre sia d'estate che d'inverno)
  • Un repellente per insetti (in estate vi renderà meno spiacevole l'incontri con gli insetti)
  • Una t-shirt e un paio di calze di scorta (portateli sempre - alla prima occasione che li userete ne capirete il beneficio)
  • Una bandana o scaldacollo, l’ideale quando si alza il vento o arriva il freddo, per evitare spiacevoli mal di gola o utilizzandolo come cappello in caso di freddo
  • Alcune spille da balia (o di sicurezza)
  • Qualche metro di cordino (può sostituire un laccio rotto, puoi legare oggetti tra loro, sostituire una cinta, chiudere lo zaino scucito, etc)
  • Un paio di metri di nastro telato americano può essere molto utile in diverse situazioni per riparare zaini, scarpe, etc
  • Alcune buste di plastica per tenere al riparo dall'umidità quello che vogliamo

 

Ovviamente potrei aggiungere un'ulteriore lista, ma come dicevo all'inizio si potrebbe entrare nell'elenco degli oggetti ritenuti utili solo a causa di nostre fissazioni o addirittura velate paranoie.

Dimenticavo!

Se state pianificando le vostre escursioni non dimenticate:

  • di dare una occhiata alle previsioni meteorologiche per i prossimi giorni (cliccando qui),
  • di controllare le condizioni metereologiche attuali tramite le webcam poste tra le montagne del Lazio (cliccando qui)
  • o di verificare le previsioni delle precipitazioni e gli allerta meteo (cliccando qui)
  • e (se in inverno) al bollettino valanghe meteomeont (cliccando qui).

Commenti

There are no comments yet×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica