Tarquinia (VT) – Palazzo Vitelleschi

Tarquinia (VT) - Palazzo Vitelleschi

 

La culla dell’Etruria si identifica con la città di Tarquinia che tra l’VIII e il VII secolo estende i suoi confini fino ai Monti Cimini e al Lago di Bolsena e che vanta attivissimi traffici col mondo orientale e la Grecia stessa, rendendola ancor più ricca e potente. La città medievale non fu da meno… 

Fiera antagonista di Roma nel IV secolo a.C. fu comunque ridotta alla sottomissione agli inizi del III secolo. Divenne Municipio dell’Italia romana nel I secolo a.C. e continuò a vivere durante tutta l’età imperiale. Con la decadenza del VII secolo d.c. la popolazione abbandonò definitivamente l’antica città, spostandosi sull’estremità dell’altura vicina all’antica necropoli di Monterozzi. Nacque così Corneto, fiorente città che ebbe il massimo sviluppo nel XVI secolo e che mantenne tale nome fino al 1922, anno in cui riprese il nome dell’antica città: Tarquinia. La città medievale , cinta da alte mura e con svettanti torri, ancora oggi ci offre uno splendido edificio di architettura gotico rinascimentale fatto costruire tra il 1436 e il 1439 dal cardinale Giovanni Vitelleschi. L’irregolarità del progetto potrebbe derivare dall’utilizzazione di strutture duecentesche preesistenti  tra cui una casa-torre fortificata.

Il palazzo fu uno dei più importanti monumenti del Primo Rinascimento nel Lazio, riproponendo la tipologia di una abitazione signorile fiorentina: tre piani, affacciati con logge e porticati su un cortile interno quadrangolare con un pozzo marmoreo centrale.

Dal 1924 è sede del Museo Nazionale Etrusco, un museo tra i più importanti d’Italia per la ricchezza delle ceramiche greche ed etrusche, i corredi funerari e i sarcofagi. 

Visualizza "Tarquinia (VT) – Palazzo Vitelleschi"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica