Weekend di watertrekking con bivacco sotto le stelle degli Ernici – Collepardo (FR)

  • DISLIVELLO 350 mt circa
  • TEMPO DI ESCURSIONE 6 ore circa, soste escluse
  • LUNGHEZZA ITINERARIO 6 km circa
  • LIVELLO DIFFICOLTA' E (escursionistica)/EE
  • CHI PUO' PARTECIPARE Le uscite sono dedicate ai soci dell’Associazione Tesori del Lazio, ma chiunque fosse interessato può diventare facilmente e velocemente socio di Tesori del Lazio. Leggi come fare nel dettaglio!

Nuova escursione tra avventura e natura!

Weekend di watertrekking con bivacco sotto le stelle degli Ernici

Tesori del Lazio ripropone, come ogni anno in estate, il watertrekking tra le montagne degli Ernici: una escursione tutta con i piedi nell'acqua! 

Un watertrekking aperto ad adulti e ragazzi, per il weekend tra sabato 27 giugno e domenica 28 giugno p.v. che si svolgerà risalendo il corso del torrente Cosa tra cascate, cascatelle e balzi rocciosi al fresco di fitte faggete, lungo una valle ancora selvaggia. Un vero ma facile percorso torrentistico che ci porta nel cuore degli Ernici, entrando con i piedi nell'acqua più volte lungo il percorso, e con brevi passaggi obbligati nelle fresche acque.

Giornata adatta anche ai ragazzi, ma solo se "allenati" ad una lunga passeggiata con lieve salita in montagna, con passaggi su facili rocce e abituati ad avere qualche volta i piedi nell'acqua. 

Arrivati a destinazione dopo una cena al sacco bivaccheremo sotto le stelle e dalla mattina della domenica rientreremo per lo stesso percorso nuovamente con il watertrekking dell’andata.

Non dimenticate che saremo intorno ai 1000 metri di altitudine, in una gola stretta e boscosa dei Monti Ernici e spesso senza mai vedere il sole! In questo ambiente le temperature, anche a giugno, possono improvvisamente scendere di diversi gradi e lo stesso meteo potrebbe subire repentini cambiamenti. Per questo consigliamo, fin da  subito, un abbigliamento a strati e di portare con voi un caldo pile (avete letto bene!) ma anche una giacca impermeabile da tenere nello zaino.

Sabato 27 Giugno e domenica 28 Giugno pv non perdere l'escursione con Tesori del Lazio che si svolgerà per lo più nei territori di Collepardo e Alatri (FR)

-- OTTAVO OUTDOOR TESORI DEL LAZIO 2020 --

DESCRIZIONE

Partiremo nel primissimo pomeriggio dal Ponte dei Santi, poco lontano dalla Certosa di Trisulti, nel territorio di Collepardo (FR), iniziando sin da subito a risalire il torrente e cercando lungo la sponda il migliore itinerario, non essendoci un sentiero segnato ufficiale.

Per questo motivo oltrepasseremo più volte il torrente e le pozze d’acqua, tra affascinanti e fresche cascatelle... A seconda della portata d'acqua del torrente in questa stagione avremo modo di sentire con i piedi nudi, o attrezzati con scarpe "adatte", quanto possa essere piacevolmente fredda l'acqua, nei guadi.

Risaliremo così il torrente che, a mano a mano, risulterà sempre meno vigoroso e dalla portata sempre minore, fino a risalire alla faggeta, dove sono dei piccoli pianori, raggiungendo i prati dove il fiume scompare e riappare a causa del territorio carsico.

Qui, nei pressi della sorgente detta Capo Fiume, in uno dei punti più selvaggi dei Monti Ernici, sceglieremo insieme un luogo, sul limitare della faggeta, dove fare il bivacco per la cena al sacco alla luce delle torce e delle stelle.

Dopo una colazione al sacco (magari anche calda grazie ai fornelletti da campo)  nella natura, al fresco della faggeta e con il rumore incostante della sorgente, si riprenderà la via del ritorno, ritornando al parcheggio per la stessa via dell'andata e con gli stessi divertenti e piacevoli guadi. Durante la ridiscesa, se necessario, vi aiuteremo fissando corde ad ancoraggi sicuri nei punti più acrobatici, rendendo il guado estremamente sicuro e assistendovi, uno ad uno, nei passaggi chiave.

Il programma può subire annullamenti o variazioni a causa di avverse condizioni atmosferiche ed è quindi utile tenere d’occhio il meteo nelle ore precedenti, contattandoci in caso di dubbi.

Il programma dell'uscita può infine subire modifiche, nei percorsi o nei luoghi o nei tempi previsti, anche per ragioni non prevedibili che dovessero presentarsi al momento stesso della escursione (come improvvisa inaccessibilità dei luoghi, valutazione locale differente da quella su scala regionale/di settore precedente, meteo avverso, manifestazioni, eventi, ecc) e/o a insindacabile giudizio degli accompagnatori che valutano la sicurezza dei luoghi e la capacità dei partecipanti.

DIFFICOLTÀ DEL PERCORSO

È una giornata accessibile a tutti, ragazzi compresi, purché abbiano mostrato interesse verso le attività all'aria aperta, la natura e le escursioni in generale e siano abituati a stare fuori all'aria aperta per una giornata intera. Considerate sempre  il dislivello e la lunghezza dell'itinerario, ma soprattutto la relativa pericolosità di una escursione quasi interamente con i piedi nell'acqua e la loro resistenza fisica. Quindi ok ai ragazzi, ma solo se "allenati" ad una passeggiata con lieve salita in montagna lungo il corso di un torrente.

Il fascino del bivacco alla luce delle torce, la cena sotto le stelle e la sveglia alle prime luci dell'alba non renderà l'escursione più difficile, ma solo più affascinante.

Il percorso non presenta alcun problema di orientamento, proprio per l'obiettivo da conseguire (risalire il torrente). L'itinerario seguito è un continuo zigzagare alla ricerca del percorso migliore nel risalire il torrente in costante salita, ma mai fortemente ripida. La mancanza di un sentiero vero e proprio e l'umidità dei luoghi rendono l'itinerario a tratti variabili nella scala delle difficoltà da media (E) a esperti (EE). Puoi vedere come leggere le scale della difficoltà degli itinerari cliccando qui -

Di volta in volta, direttamente sul posto, verranno valutate le condizioni ambientali/meteorologiche per proseguire l’escursione in completa sicurezza. L'imprevedibilità del clima potrebbe far decidere sul momento eventuali deviazioni o itinerari alternativi, rispetto a quanto descritto.

Si avranno passaggi, dove potrebbe risultare più agevole aiutarsi con le mani sulle rocce, e ci saranno alcuni guadi, con il fondo del torrente a volte scivoloso, ma ciò non deve impensierire nemmeno i più inesperti, parliamo di piccoli tratti che con i nostri consigli e aiuti si riveleranno molto più semplici. Tutto sarà in assoluta sicurezza. Godetevi questa giornata! Non bisogna avere particolari doti fisiche.

RIASSUNTO INFO PERCORSO

  • Altitudine massima: 950 m s.l.m. circa
  • Dislivello itinerario di andata: circa 350 metri fino alle Sorgenti di Capo Fiume
  • Lunghezza distanza complessiva itinerario: 6 km circa tra a/r
  • Tempo totale di escursione tra l’andata e il ritorno: 6h circa, soste escluse
  • Difficoltà percorso: medio- facile - con possibili brevi e facili passaggi su roccia e guadi.
  • Scala difficoltà: E (escursionistico) / EE (Escursionisti esperti) - (la EE è da considerarsi solo per le eventuali piccole difficoltà nell'attraversare il torrente e per la mancanza di sentiero segnato)

APPUNTAMENTI

Unico appuntamento

  • Un unico appuntamento alle 14.00 al parcheggio dell'Autogrill al distributore Eni/Agip "Veroli est" al km 13,950 lungo la superstrada Ferentino-Sora SR214 - direzione Sora. Se vuoi vedere dove clicca su https://goo.gl/maps/aHfF1qNoNbV6z1zN8

APPUNTAMENTI - IMPORTANTE NOVITÀ EMERGENZA COVID-19:

Agli appuntamenti non sarà possibile ottimizzare il numero dei posti auto disponibili come avveniva in passato. Le località di incontro devono essere raggiunte con mezzi propri, nel rispetto delle norme nazionali e regionali che regolano il trasporto delle persone nella lotta al coronavirus. Saranno ammesse auto con più persone e anche senza mascherina, solo per persone che appartengono al medesimo nucleo familiare o conviventi. Persone non conviventi devono rispettare la massima distanza possibile, quindi eventualmente saranno ammesse in auto per un numero massimo di due persone, con la persona alla guida e il passeggero che dovrà essere rigorosamente seduto sul posto di dietro. Entrambi dovranno indossare la mascherina per tutto i tempo del viaggio.
Eventuali appuntamenti non previsti dal programma saranno valutati e concordati direttamente con i partecipanti che ne avranno fatta richiesta.

IMPORTANTEGli appuntamenti sono esclusivi per quanti ci comunicheranno precedentemente l’adesione all'evento ed il luogo di appuntamento preferito. Non aspetteremo chi non ha confermato la partecipazione e rilasciato un numero di cellulare per eventuali contatti.

COSA SERVE

Si raccomanda in generale un abbigliamento per outdoor, comodo e traspirante, e di portare con voi quanto occorre per un paio di giornate all'aperto. Non dimenticate la "cena al sacco" , l’occorrente per la colazione al sacco e degli snack per l’orario di pranzo, ora per cui si prevede il rientro. Non dimenticate di avere con voi una giusta dose di liquidi per il periodo estivo (consigliati minimo 3 litri) ed almeno una torcia obbligatoria da utilizzare per diverse ore! Ottimo sarebbe una luce frontale e una piccola torcia di ricambio per ciascun partecipante.

Sono consigliate le scarpe da trekking ed è obbligatoria la giacca impermeabile nello zaino.

Particolarmente utili saranno le scarpe da running o sneakers o da ginnastica, meglio se con suola scolpita e non liscia come superga, converse, etc. insomma scarpe che potete bagnare senza rimpianti!

Ancora più adatte saranno delle scarpe da trekking (basse o alte che siano) che non hanno problemi ad essere bagnate completamente (si raccomanda di non utilizzare scarpe da trekking "ferme" nelle proprie scatole per più di 1 anno - le colle potrebbero incrudirsi e riportare spiacevoli inconvenienti).

Le scarpe saranno indossate durante i guadi con acqua alta anche più di 40 cm. In teoria se non porterete nulla non vi preoccupate: attraverseremo piacevolmente e senza alcun problema anche a piedi nudi! Eventualmente potreste indossare solo per i guadi delle scarpe da scoglio, o per guadi frequenti calzari in neoprene con suola scolpita. Portate con voi, comunque, un asciugamano perché potrà risultare utile.

Possono risultare utili per l'equilibrio nel guadare, e nell'itinerario di ritorno alle macchine, i bastoncini da escursionismo che agevoleranno lo sforzo e scaricheranno parte della stanchezza delle gambe, sulle spalle e le braccia.

Non sottovalutate gli ambienti umidi dei luoghi che frequenteremo  e nemmeno il caldo al sole estivo. Durante l'itinerario sia all'andata che al ritorno, con i piedi in acqua tra le strette gole e all'ombra del fitto bosco, potrebbe essere piacevole indossare un pile o una felpa, anche se vi sembrerà strano al pensiero degli oltre 30 °C di questi giorni. Proprio per questo consigliamo un abbigliamento leggero a strati, un eventuale cappello ed una protezione solare

Dovrà trovare posto nello zaino, poi, anche un caldo pile o felpa o equivalente, oltre alla giacca impermeabile sopra citata per la sera. Consigliato fortemente (obbligatorio) un pantalone al ginocchio o anche più corto per tutti (ragazzi e ragazze) per il percorso di watertrekking.

Se volete una cena ed una colazione calda dovrete trovare lo spazio per un fornelletto da campeggio, con bombola di gas, pentola e posate.

Per la notte obbligatorio sarà un sacco a pelo che riesca almeno a mantenere una temperatura di comfort sui 5-10°C, valido anche un sacco da bivacco di emergenza purché sia di tipo traspirante. Consigliato un materassino e/o un telo termico da frapporre con il terreno, infatti è essenziale la sua funzione isolante. Quando si è sdraiati, l'imbottitura di un sacco a pelo anche da -20 gradi, viene schiacciata dal nostro peso e perde gran parte delle capacità di trattenere il calore. Il materassino crea un cuscinetto d’aria fra noi e il suolo. 

Ottimo inoltre sarebbe portare una tenda e raccomandato è almeno l'utilizzo di un telo tarp. Un cuscino per la notte, gonfiabile o in microfibra, rappresenterà quel lusso in più.

Tenete sempre conto dello sbalzo termico fra giorno e notte e la posizione con l’umidità del torrente, quindi, se necessario, equipaggiatevi con abbigliamento pesante oltre ad un cambio di intimo. Qualcuno apprezzerà per la notte e la mattina un paio di ciabatte/sandali leggeri, ma è sicuramente necessaria una scarpa asciutta e chiusa per il periodo serale.

Potrà essere utile un telo o un plaid da poter mettere a terra, per il momento della cena e del relax, che isoli dall'umidità del terreno. Per i più freddolosi potrà essere utile un cappelletto, uno scaldacollo ed un paio di guanti
Si ricorda di portare con se nello zaino un kit di pronto soccorso, per curare piccole ferite, ustioni e per far fronte ad alcuni imprevisti. Non dimenticare di aggiungere qualche farmaco essenziale come l’aspirina, un antidolorifico, un antistaminico e un antibiotico ma,soprattutto, non dimenticare gli eventuali farmaci personali.

Volendo bagnarsi al rientro nelle grandi pozze cristalline potreste indossare sin da subito un top in neoprene (da 1,5 mm/2 mm) o delle t-shirt termiche da surf o delle mute shorty, ma se siete meno freddolosi andrà bene anche il classico costume .

La classica strategia dell’abbigliamento “a strati” è sempre consigliata, magari quasi tutti gli strati rimarranno per questa escursione nello zaino, ma in caso di tempo avverso sarà utile averli con sé.

Inoltre, come sempre, in caso di tempo incerto portate con voi anche indumenti di ricambio da lasciare in macchina, indumenti che potrebbero risultare utili in caso qualcuno di voi decidesse di fare un vero e proprio tuffo tra le pozze d'acqua. Non dimenticate un paio di scarpe asciutte per la sera al bivacco e poi al rientro in macchina qualora quelle da trekking fossero l'unico paio portato nella giornata.

ATTENZIONE: Se volete portare con voi il cellulare (per le foto), la macchina fotografica o altri oggetti sensibili all'umidità portate con voi una custodia impermeabile per proteggerli dall'acqua.

COSA SERVE - IMPORTANTE - NOVITÀ EMERGENZA COVID-19:

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

  • se non ha ricevuto preventiva comunicazione di conferma e accettazione dell’iscrizione via email o whatsapp, o con sms o tramite altro mezzo di comunicazione esclusa la conferma verbale;
  • se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina, gel disinfettante) e di quant'altro indicato dagli organizzatori;
  • se è soggetto a quarantena, se a conoscenza di essere stato a contatto con persone risultate positive negli ultimi 14 giorni
  • se non è in grado di certificare una temperatura corporea inferiore ai 37,5°C e assenza di sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19

ATTENZIONE: In generale gli iscritti all'escursione che risulteranno sprovvisti dell’equipaggiamento sopra elencato saranno esclusi dal partecipare all'escursione stessa.

DURANTE L'ESCURSIONE - IMPORTANTE - NOVITÀ EMERGENZA COVID-19:

partecipanti si impegnano a rispettare le norme di igiene, di distanziamento e quant'altro inerente all'utilizzo di Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) secondo quanto disposto dalle Autorità competenti al fine di limitare la diffusione del contagio virale.
I partecipanti si impegnano a rispettare le indicazioni e le direttive impartite dai responsabili dell'organizzazione dell'outdoor  per l’attuazione delle misure anti-Covid durante l’escursione stessa.

I partecipanti devono comunque sempre osservare scrupolosamente le regole di distanziamento e di comportamento:

  • durante la marcia, a piedi va conservata una distanza interpersonale di almeno 2 metri. Ogni qualvolta si dovesse diminuire tale distanza, durante le soste e nell’incrocio con altre persone, è obbligatorio indossare la mascherina;
  • sono vietati scambi di attrezzatura, oggetti, cibi, bevande o altro tra i partecipanti non appartenenti allo stesso nucleo familiare;
  • si fa obbligo ai partecipanti di avere con sé la mascherina e il gel disinfettante a base alcolica.
  • è responsabilità dei partecipanti non disperdere mascherine o quant’altro lungo il percorso.

INFORMAZIONI

Resp.li dell'organizzazione di questo outdoor: Gianni Garofoli (339 1925557) e Massimo Pesci (335 5292284)

Per qualsiasi informazione, chiarimenti e/o prenotazioni scrivere a tesoridellazio@gmail.com o chiamare Gianni Garofoli (339 1925557) o Massimo Pesci (335 5292284)

IMPORTANTE

Altre informazioni generali su prenotazioni, chi può partecipare, etc le troverete al link https://goo.gl/r4qT2F
Accettando di partecipare all'escursione si dichiara di conoscere ed accettate le regole riportate nel VADEMECUM Outdoor nella sua ultima edizione.

Grazie a tutti!

Testi elaborati da TESORI DEL LAZIO © 2020 – Tutti i diritti riservati

Visualizza "Weekend di watertrekking con bivacco sotto le stelle degli Ernici – Collepardo (FR)"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Prenotati per questo outdoor

Devi eseguire il login per poterti prenotare per questa uscita
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica