Escursione tra le rocche dimenticate dei Monti Ruffi – Rocca Canterano (RM)

  • DISLIVELLO 350 mt circa
  • TEMPO DI ESCURSIONE 7 ore circa, soste incluse
  • LUNGHEZZA ITINERARIO 11 km circa
  • LIVELLO DIFFICOLTA' E (escursionistica)
  • CHI PUO' PARTECIPARE Le uscite sono dedicate ai soci dell’Associazione Tesori del Lazio

Escursione alla scoperta della storia e della natura dei Monti Ruffi

Escursione tra le rocche dimenticate dei Monti Ruffi da Rocca Canterano (RM)

Nuova escursione sabato 19 novembre 2022, per scoprire le testimonianze storiche, affascinanti e poco note, dei territori dei Monti Ruffi partendo da Rocca Canterano (RM).
Una giornata con Tesori del Lazio tutta all'insegna della natura e della storia di questi luoghi, frequentati fin dal paleolitico e che per secoli furono importante baluardo, in ambiente di media montagna, per il controllo dell'asse viara romana della Tiburtina-Valeria e della via Sublacense.

Sabato 19 novembre immergetevi con noi tra natura e storia affacciati sulla lunga Valle dell'Aniene

 

-- QUARANTESIMO OUTDOOR TESORI DEL LAZIO 2022 --

DESCRIZIONE

Una nuova escursione lungo il versante nord-occidentale della dorsale dei Monti Ruffi, lungo il percorso che collegava il sistema delle antiche rocche di sorveglianza medievale del territorio.
I Monti Ruffi pur essendo un massiccio di piccola estensione ospitano diverse cime sopra i mille metri, la più alta delle quali è il Monte Costasole (1.253 m.s.l.m.).
Questi territori sono sempre stati popolati dalle popolazioni dedite alla transumanza dal periodo paleolitico in poi. Propri per questo, oltre all’itinerario "medievale”, potremo anche scoprire le tracce di antichi graffiti preistorici rupestri (molto rare nel Lazio).

Partendo da Rocca Canterano, lungo i sentieri che collegano i fontanili di alta quota, passeremo tra un sito all’altro di quello che potremmo chiamare il ”sistema delle sette rocche”, cioè quella rete di punti di avvistamento che prevedeva che ogni rocca ne traguardasse altre sette, a controllo completo della viabilità di marca romana, la Tiburtina-Valeria e la Sublacense, e su quella medioevale: la via dei Ruffi, il percorso montano parallelo allo spartiacque dei Ruffi e l’asse Tivoli-Gerano-Subiaco.
Gli insediamenti fortificati (in realtà 8 in tutto) sono collocati prevalentemente lungo la dorsale o sul versante montano (Anticoli e Canterano) del massiccio calcareo, con una tendenza alla posizione cacuminale o su sperone aggettante: le strutture si susseguono allineandosi da nord-ovest a sud-est a una distanza media di km 1,75 per tutta la lunghezza della catena montuosa (km 10 ca.). Le rocche oggi dirute sono quelle la cui genesi era legata principalmente al controllo territoriale, poste quindi più in alto sulla dorsale interna dei Ruffi, lontane dalla viabilità principale, e per queste le prime ad essere abbandonate.

COSA VEDREMO

L'escursione ci porterà a visitare: 

  • I resti delle Rocche Dè Grufo, Dè MurriSurici (o Sorci)
  • I graffiti rupestri paleolitici
  • I fontanili della via della transumanza

Il programma può subire annullamenti o variazioni a causa di avverse condizioni atmosferiche ed è quindi utile tenere d’occhio il meteo nelle ore precedenti, contattandoci in caso di dubbi.

Il programma dell'uscita può, inoltre, subire modifiche, nei percorsi o nei luoghi, anche per ragioni non prevedibili che dovessero presentarsi al momento stesso della escursione (come improvvisa inaccessibilità dei luoghi, valutazione locale differente da quella su scala regionale/di settore precedente, meteo avverso, manifestazioni, eventi, ecc) e/o a insindacabile giudizio degli accompagnatori che valutano la sicurezza dei luoghi e la capacità dei partecipanti.

 

DIFFICOLTÀ DEL PERCORSO

È un'escursione accessibile a tutti, aperta anche ai ragazzi, purché abbiano mostrato interesse verso le attività all'aria aperta, alla natura e alle escursioni in generale, ed, ovviamente, abbiano un minimo di resistenza al camminare. Vi ricordiamo di considerare sempre per i vostri ragazzi anche la lunghezza totale del percorso
Il percorso outdoor è considerato in generale di tipo l'escursionistico (E) - vedi come leggere le scale della difficoltà degli itinerari cliccando qui - su sentieri per lo più tracciati e passando per alcune comode sterrate (T) con alcuni tratti con pendenza più accentuata (EE) nei pressi dei resti del castello dei Surici.

Di volta in volta, direttamente sul posto, verranno valutate le condizioni ambientali/meteorologiche per proseguire l’escursione in completa sicurezza.

Non ci saranno passaggi esposti o pericolosi, ma la imprevedibilità del clima, situazioni inaspettate o cambiamenti recenti nel territorio potrebbe far decidere sul momento eventuali deviazioni o itinerari alternativi, rispetto a quello descritto. Per le caratteristiche delle uscite di Tesori del Lazio occorre essere pronti a superare eventuali tratti anche non tracciati e immersi nella natura.

 

RIASSUNTO INFO PERCORSO

  • Lunghezza totale: 11 km circa complessivamente
  • Altitudine massima: 970 m s.l.m. circa
  • Altitudine minima: 720 m s.l.m. circa
  • Dislivello totale (come guadagno/perdita complessivo di quota): circa 350 m 
  • Tempo totale di escursione: 7 ore circa, soste comprese
  • Difficoltà percorso: media difficoltà
  • Scala difficoltà: in generale E (escursionistico)
  • Pendenza media: 11 %
  • Pendenza massima (brevi tratti)  50 %

 

APPUNTAMENTI

Unico appuntamento alle 08.30

  • Appuntamento presso il parcheggio sulla strada provinciale 33A, subito a destra dopo l’uscita di Castel  Madama della A24 Roma - L'Aquila. Vedi dove: 41.956568, 12.857765
    Se vuoi vedere dove è clicca su https://goo.gl/maps/gteKvAVab5P3fkpi6


Eventuali appuntamenti non previsti dal programma saranno valutati e concordati direttamente con i partecipanti che ne avranno fatta richiesta.

IMPORTANTEGli appuntamenti sono esclusivi per quanti ci comunicheranno precedentemente l’adesione all'evento ed il luogo di appuntamento preferito. Non aspetteremo chi non ha confermato la partecipazione e rilasciato un numero di cellulare per eventuali contatti.

 

COSA SERVE

Sono da considerarsi come obbligatorie le scarpe da trekking ed una giacca impermeabile nello zaino. Si raccomanda un abbigliamento per outdoor adatto all'escursionismo, comodo e traspirante, adatto alle temperature di questi giorni.
L'abbigliamento dovrà essere preparato quindi in base alle condizioni meteo che vi consigliamo di verificare.

Oltre al pranzo al sacco, o da scaldare sul momento, non dimenticate gli snack energetici e/o la frutta secca, e ricordate di avere con voi una giusta dose di liquidi per il periodo (almeno 1,5 litri di acqua) e il dislivello da superare. Possono risultare utili, i bastoncini da escursionismo che ,agevoleranno lo sforzo e scaricheranno parte della eventuale stanchezza delle gambe, sulle spalle e le braccia. Non dimenticate di portare con voi sempre una fonte di luce indipendente (meglio se lampada da testa) qualora, per motivi non pianificati, si dovesse rientrare all'imbrunire.
Ovviamente obbligatorio sarà anche lo zaino, della dimensione giusta che possa contenere oltre il raccomandato anche l'abbigliamento che vorrete togliervi in caso di eccessiva sudorazione - Se volete indicazioni di massima su cosa mettere nello zaino cliccate qui.

Regolatevi con le vostre precedenti esperienze di giornate in autunno in media montagna Per questo consigliamo di portare anche un cappello, lo scaldacollo e dei guanti, che dovranno essere sempre con voi nello zaino. Se avete dubbi sulla vostra attrezzatura, chiedeteci consigli per mail o al cellulare indicati nella presente descrizione.

Inoltre, come sempre, in caso di tempo incerto, portate con voi anche indumenti di ricambio da lasciare in macchina.

E’ possibile che ci siano dei tratti fangosi quindi sono sempre consigliabili delle scarpe alte da trekking, e, magari un cambio di scarpe da lasciare alle macchine.

COSA SERVE - ADDENDUM  EMERGENZA COVID-19:

Chi intende aderire è consapevole che non potrà essere ammesso:

  • se non ha ricevuto preventiva comunicazione di conferma e accettazione dell’iscrizione via email o whatsapp, o con sms o tramite altro mezzo di comunicazione esclusa la conferma verbale;
  • se sprovvisto dei necessari DPI (mascherina, gel disinfettante) e di quant’altro indicato dagli organizzatori;
  • se è soggetto a quarantena, se a conoscenza di essere stato a contatto con persone risultate positive negli ultimi 10 giorni (se non vaccinato) o 5 giorni (se vaccinato o guarito da Covid entro 120 gg) 
  • se ha una temperatura corporea superiore ai 37,5°C e sintomi simil influenzali ascrivibili al Covid-19

ATTENZIONE: In generale gli iscritti all'escursione che risulteranno sprovvisti dell’equipaggiamento sopra elencato saranno esclusi dal partecipare all'escursione stessa. Essendo l'attività completamente all'aperto non ci sono obblighi di Green Pass o di tamponi.

 

INFORMAZIONI

Resp.li dell'organizzazione di questo outdoor: Massimo Pesci (335 5292284) e Gianni Garofoli (339 1925557)
Per qualsiasi informazione, chiarimenti e/o prenotazioni scrivere a a tesoridellazio@gmail.com o chiamare i numeri sopra indicati.

IMPORTANTE

Altre informazioni generali su prenotazioni, chi può partecipare, etc le troverete al link https://goo.gl/r4qT2F

Accettando di partecipare all'escursione si dichiara di conoscere ed accettate le regole riportate nel VADEMECUM Outdoor nella sua ultima edizione.

Grazie a tutti!

Testi elaborati da TESORI DEL LAZIO © 2022 – Tutti i diritti riservati

Visualizza "Escursione tra le rocche dimenticate dei Monti Ruffi – Rocca Canterano (RM)"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Prenotati per questo outdoor

Devi eseguire il login per poterti prenotare per questa uscita
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica