Sperlonga (LT) Villa e grotta di Tiberio

Sperlonga (LT)  Villa e grotta di Tiberio

La villa ha una estensione notevole e le sue prime strutture sono di epoca tardo-repubblicana. La villa di Tiberio vera e propria si sviluppa intorno ad un ampio cortile porticato, con ambienti di servizio di cui ancora oggi in alcuni casi è rintracciabile la funzione (una fornace e un forno per la cottura del pane ad esempio).

La grotta, naturale, viene inserita al complesso residenziale nel I secolo d.C., e viene abbellita e resa fruibile attraverso numerosi interventi architettonici e la collocazione di numerose ed importanti sculture. La grotta comprende una vasta cavità principale su due livelli, preceduta all’esterno da una ampia vasca rettangolare (peschiera) con acqua marina, con al centro la piccola isola isola artificiale che ospitava la caenatio (sala da pranzo) estiva. La vasca comunicava con la grotta, all’interno della quale una piscina circolare ospitava il gruppo scultoreo di Scilla. Negli ambienti della grotta (triclinio e ninfeo) erano invece ospitate le sculture dell'accecamento di Polifemo, forse il più famoso gruppo scultoreo tra quelli ritrovati.

Fu probabilmente all’interno della grotta che, nel 26 d.C. Seiano salvò la vita all'imperatore, proteggendolo con il suo corpo dal crollo di alcune rocce dalla volta (cfr. Svetonio, Tacito).

Visualizza "Sperlonga (LT) Villa e grotta di Tiberio"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica