San Gregorio da Sassola (RM) Ponte S. Antonio

San Gregorio da Sassola (RM)  Ponte S. Antonio

Questo è' uno dei più bei ponti degli acquedotti romani, dei più imponenti e meglio conservati. Fu costruito per far superare all’acquedotto dell'Anio novus (38-52 d.C.) il fosso dell'Acquaraminga, in effetti una profonda e impervia forra. In origine il ponte era meno “massiccio” e le sue arcature erano più “slanciate”. E...’ composto da un arco centrale alto 30 metri, sostenuto alle estremità da poderose opere di contenimento e sostegno, e due serie di arcuazioni, per una lunghezza di 120 metri. La struttura originaria era al tempo di Claudio in blocchi di tufo e rivestimento in opus reticulatum. Successivamente, nel corso del IV e V secolo d.C., furono compiuti lavori di consolidamento con massiccio uso di opere cementizie e rivestimenti in laterizio, e creazione di sottoarcuature. Tali interventi coprirono il manufatto originale e ridussero, come detto, la luce delle arcuazioni. Ancora oggi è percorribile a piedi (con attenzione) da una parte all’altra della forra. Il ponte trae il nome da una immagine di Sant'Antonio collocatavi forse nel secolo XVII.

Visualizza "San Gregorio da Sassola (RM) Ponte S. Antonio"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica