COMUNE Manziana

Manziana (RM) Loc.Casale delle Pietrische – Vasche vinarie

Manziana (RM) - Località Casale delle Pietrische - Vasche vinarie

Nei dintorni del Casale delle Pietrische, come pure disperse in tantissime località della Tuscia, è facile rintracciare quelle che vengono definite come vasche vinarie, cioè vasche scavate nella roccia  utilizzate nella produzione di vino. Non sempre è certa questa attribuzione d’suo, che per lo più deduciamo dalle forme più evolute utilizzate dai romani nelle fase produttive agricole.

I romani utilizzavano una sequenza di lavorazione che prevedeva che  l’uva fosse raccolta e pigiata (con i piedi o con pestelli) in grandi vasche (aree) da cui la prima pigiatura attraverso canali si dirigeva verso una successiva vasca. Quando il mosto si era separato dalle vinacce (che restavano a galla) queste venivano rimosse e sottoposte a torchiatura, mentre il mosto come detto veniva fatto fluire in una vasca sottostante (il lacus). In questa seconda vasca, dove confluiva anche il mosto delle vinacce torchiate a parte in torchi di legno e pietra , avveniva la prima fermentazione (detta ribollente a causa della produzione di gas) che durava circa 7-8 giorni. La fermentazione veniva completata travasando il vino in contenitori e doli.

La struttura delle vasche vinarie etrusche rispecchia quindi bene in teoria quella dei romani che evidentemente ad esse si sono ispirati. Restano elementi di incertezza legati soprattutto alla qualità della spremitura che si puo’ immaginare derivasse da una attività realizzata in vasche scavate direttamente nella roccia impermeabile ma friabile e non rivestire di malta impermeabile (come era per i romani), in condizioni climatiche comunque esposte per quanto si immagini che le vasche fossero protette da tettoie ( nelle ville rustiche romane la spremitura avveniva in luoghi freschi e/o sotterranei), e con il mosto della prima spremitura lasciato fermentare all’interno di vasche circolari che certo non contribuivano a garantire la limpidezza e la buona qualità del prodotto.

E’ forse più probabile, visto che l’uso della ceramica era già altamente evoluto ed era certamente possibile utilizzare contenitori più adatti ed altrettanto capienti, che le “vasche vinarie” fossero parte di un processo produttivo di cui a noi oggi mancano però alcune parti perché non conservate, come ad esempio otri, doli, canaline in terracotta che completavano l’impianto “scavato a terra” garantendo migliore resa, qualità e conservazione del prodotto vinicolo.   

Visualizza "Manziana (RM) Loc.Casale delle Pietrische – Vasche vinarie"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica