Fara in Sabina (RI) – Ruderi Abbazia di S. Martino

Fara in Sabina (RI)  Abbazia di S. Martino

Sulla sommità del Monte Acuziano, di fronte al borgo di Fara in Sabina, sono situati i ruderi di una maestosa abbazia iniziata nel XI secolo e mai terminata. I luogo fu abitato molto tempo prima, e le prime tracce risalgono alla fine dell'età del Bronzo, mentre reperti di epoca romana testimoniano la presenza di una sontuosa villa e di un tempio dedicato alla dea Vacuna.
I ruderi sono i resti delle costruzioni iniziate in realtà già nel VI sec. da S. Lorenzo Siro, fondatore dell'Abbazia di Farfa e detto Liberatore perché, secondo la leggenda liberò il paese da un terribile drago. Il toponimo S. Martino prende il nome da una antica cripta-oratorio dedicata a S.Martino Vescovo di Tours.
L'oratorio, edificato in una grotta e sulle strutture della villa romana, fu nel tempo ampliato con molte piccole celle ad uso degli eremiti.

Papa Sisto IV nel XV secolo lo fece ristrutturare e con l'occasione distrusse antichi affreschi del VI secolo per far posto a nuovi dipinti,anch'essi oggi perduti. Il grande complesso doveva sostituire l'antica Abbazia di Farfa, che ha causa delle lunghe lotte e guerre era ormai ridotta ad un cumulo di rovine. Per questo fu scelto un luogo così impervio e per questo la struttura aveva chiare caratteristiche di chiesa/fortezza.

La morte nel tempo dei diversi religiosi che sostennero la sua costruzione determinò il lento ma defintivo abbandono del sito e della costruzione.

Visualizza "Fara in Sabina (RI) – Ruderi Abbazia di S. Martino"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica