COMUNE Cellere

Cellere (VT) – fraz Pianiano

Cellere (VT) - fraz Pianiano - il borgo

- Testi elaborati da TESORI DEL LAZIO (07-2010)

Piccolo borgo con la struttura medievale ancora intatta, interamente raccolto dentro le mura, costituite da una cortina continua senza torri, con un vecchio castello e la piccola chiesa di San Sigismondo.
Possedimento dei Farnese già nel 1469, inizia un lento declino e spopolamento dopo la distruzione della vicina città di Castro (1649). Nel 1734, il borgo è del tutto abbandonato.
Nel 1756 alcune famiglie di Scutari (Albania) per sfuggire alle persecuzioni religiose dei Turchi, sbarcarono ad Ancona cercando rifugio nello Stato Pontificio. Il papa Benedetto XIV dopo un primo periodo di alloggiamento a Canino (VT) gli concesse nel 1757 il Borgo di Pianiano e alcune terre limitrofe. L'assegnazione del Castello di Pianiano e dei terreni agli Albanesi sembrò quindi la soluzione migliore per risolvere il duplice problema: evitare che Pianiano andasse in rovina e dare agli Scutarini una casa e dei mezzi per vivere. Ma una lunga causa civile con gli abitanti di Cellere per sconfinamenti, concessioni, tributi e attribuzioni di terreni fece in modo che le ultime famiglie albanesi, dopo la seconda metà del XIX secolo, abbandonassero definitivamente il borgo che avevano restaurato nella speranza di una vita migliore.
 

Visualizza "Cellere (VT) – fraz Pianiano"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica