Castelforte (LT) – Loc. Suio – Terme romane Aquae Vescinae

Castelforte (LT) - Loc. Suio - Terme romane Aquae Vescinae

Già i primi insediamenti degli Aurunci sono legati alla presenza della vasta area termale, lungo il fiume Garigliano, dove sgorgano varie sorgenti con temperatura da 0° a 60°. Alcune di queste sorgenti con acque ipertermali (39-63 °C) a varie concentrazioni sulfuree, con presenze bicarbonato-alcalino-terroso-calciche, sono state impiegate a scopo terapeutico ed estetico dai tempi dei romani, diventando meta turistica nei tempi recenti con la costruzione di stabilimenti balneari.
Citate da Plinio e Lucano, come Aquae Vescinae, erano molto frequentate particolarmente nel periodo dell'Impero Romano, come testimonia la sedia balneare di porfido, cosiddetta vasca di Nerone, che si può ancora ammirare nelle Terme Duratorre, in località Sant'Antonio.
Classificate come le prime in Italia e terze in Europa per presenza di iodio, queste acque vengono anche commercializzate come acqua imbottigliata da pasto.

Fonte: Futouring con licenza CC-BY-SA

Visualizza "Castelforte (LT) – Loc. Suio – Terme romane Aquae Vescinae"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica