COMUNE Aquino

Aquino (FR) – Porta Capuana

Aquino (FR) - Porta Capuana  

- Testi elaborati da TESORI DEL LAZIO (05-2010)

La Porta è la struttura meglio conservata della antica città romana di "Aquinum", città a quel tempo importante essendo ubicata in uno dei punti nodali della via Latina che attraversava diverse località della Ciociaria per proseguire poi per il Sannio. A differenza degli altri resti della città è praticamente arrivata a noi intatta.

La Porta Capuana, più tardi detta anche di San Lorenzo per la vicinanza di una piccola chiesa con questo nome, si chiamava così proprio perché da essa si usciva per avviarsi verso il grosso centro di Capua, dove la via Latina si congiungeva all'Appia che proseguiva sino a Brindisi.

L’antica città di Aquinum era situata nella media valle del Fiume Liri, proprio sul ciglio del cosiddetto “Vallone d’Aquino”; sorta tra il IV ed il III secolo a.C., è stata prima un significativo centro dei Volsci e poi, con la conclusione delle guerre sannitiche (258 a.C.) una fiorente città romana (Aquinum) posta lungo la via Latina, che raggiunse i quarantamila abitanti circa.

La ricostruzione dello schema urbanistico della città fu possibile tramite lo studio delle fotografie aeree della RAF (Royal Air Force) del 22 febbraio 1944. La città si presentava racchiusa in un area di forma romboidale e naturalmente protetta sul lato orientale da numerosi laghi (prosciugati nel XVI secolo) e negli altri lati da un vallum (fossato) che veniva inondato da canali provenienti dai laghi. La Via Latina (il cui basolato è ben visibile nelle immediate vicinanze della Porta Capuana), attraversava l’intera città di Aquinum da Porta Romana (di cui oggi non rimangono che alcuni blocchi di travertino lungo la campagna), ad Ovest, a Porta Capuana, sul lato Est, rappresentando il decumanus maximus (per le città romane la grande arteria cittadina principale che le attraversava da Est a Ovest).

La attuale porta è un monumento dalla datazione controversa: le fonti ufficiali la collocano in età romana attorno al I secolo a.C. ma molti sono i dubbi sulla sua fattura e utilizzo e la attribuiscono al periodo federiciano (XIII secolo), quando si riattestò l’utilizzo dell’opus quadratum per le strutture fortificate sveve.

Qualunque sia la datazione, la porta si presenta massiccia, a pianta rettangolare ed è costruita con blocchi squadrati di travertino locale. Nell’ambiente interno quattro pilastri posti agli angoli formano un vano quasi quadrangolare. Alla sommità dei pilastri, delle mensole (ben visibili), poste come capitelli, sostengono i pennacchi della, quasi crollata, volta a crociera in opera cementizia. Accanto alle mensole/capitelli sono posti dei ribassamenti circolari con foro (ben visibili) che fungevano da alvei per i cardini dei battenti delle porte.

Visualizza "Aquino (FR) – Porta Capuana"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica