Tesori del Lazio e il pericolo incendi

08 Lug 2016 Promozione sociale @dmin
 

Il fuoco nemico della natura ma per causa umana

Ogni estate torna puntuale alla ribalta la drammaticità degli incendi boschivi che causano danni ambientali molto gravi e con effetti a lungo termine sull'intero ecosistema forestale. Nella stagione estiva si concentra infatti la gran parte degli interventi dei mezzi antincendio, e del personale addetto, per spegnere piccoli focolai o incendi di grandi dimensioni

Il fuoco è uno dei più insidiosi pericoli per i nostri boschi. La distrazione, o ancor peggio, il vandalismo o l'atto criminale, ogni anno riducono in cenere migliaia e migliaia di ettari precedentemente verdi e rigogliosi.

Il vero nemico del bosco però non è il fuoco, ma chi incendia!

Secondo il Corpo forestale dello Stato ogni 200 incendi, 199 sono causati dall'uomo! e 1 incendio ogni 4 è provocato volontariamente e 1 ogni 3 è causato dalla sottovalutazione dei pericoli di chi accende un fuoco per ripulire dalla vegetazione secca il terreno o per distruggere i residui delle potature...

L'incendio boschivo è un reato

Gli incendi dei boschi provocati in modo colposo possono provocare enormi disastri. Un incendio "sfuggito" a chi ripuliva il proprio terreno può arrivare ad essere causa di lutti e distruzioni. Per questo motivo non bisogna lasciare che un piccolo fuoco, lungo il ciglio della strada o dentro il bosco, si trasformi in un incendio.

Con l'introduzione del reato di incendio boschivo, che ha inasprito le pene per le condotte illecite volontarie e per alcune colpose, il Corpo forestale ha fortunatamente un ulteriore strumento per contrastare con maggiore efficacia il fenomeno. Fino al 2000 l'incendio boschivo era considerato un'aggravante dell'incendio generico, ed era trattato dall'art. 423 del Codice Penale. Dal 2000, per la prima volta, è riconosciuto dal legislatore come reato autonomo e da allora è disciplinato dall'art. 423 bis, confermato dall'art. 11 della Legge 11 novembre 2000, n. 353 secondo il quale chiunque cagioni un incendio su boschi, selve o foreste ovvero su vivai forestali destinati al rimboschimento, propri o altrui, è punito con la reclusione da 4 a 10 anni. Se l'incendio è cagionato per colpa, la reclusione va da 1 a 5 anni. Le pene sono, inoltre, aumentate della metà se l'incendio induce un danno grave, esteso e persistente all'ambiente. 

Gli incendi boschivi - in caso di incendio 1515

Il numero di emergenza ambientale 1515

Fino al 30  settembre, squadre di Vigili del fuoco, Corpo forestale dello Stato e volontari di Protezione civile opereranno in sinergia con gli enti del territorio per mantenere attivo il servizio di vigilanza ed avvistamento antincendio, in coordinamento con i Comuni, raccomandando agli stessi Comuni di informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possano provocare incendi.

Il 1515 è il numero gratuito di pronto intervento per qualsiasi tipo di emergenza ambientale, attivo 24 ore su 24, grazie al quale gli uomini del Corpo forestale dello Stato rispondono alle diverse richieste di tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, di tutela del patrimonio agroambientale, di difesa contro gli incendi boschivi, di protezione civile e di pubblico soccorso, segnalate direttamente dai cittadini. 

in caso di incendio 1515

In caso di incendio: i consigli del Corpo Forestale

Se avvisti un incendio cosa devi fare?

CHIAMA IMMEDIATAMENTE IL 1515 

Come si può prevenire un incendio del bosco?

Non gettare mai mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi. Non accendere mai fuochi nel bosco, se non in aree appositamente destinate. Non parcheggiare mai l'auto sopra erba o foglie secche. Non abbandonare mai rifiuti nel bosco e/o fuori dalle regolari discariche. Non bruciare mai stoppie, paglia o altri residui agricoli vicino al bosco o ad altre aree incolte

In caso di avvistamento di un incendio? 

Avvisare subito il Corpo forestale dello Stato, telefonando al numero 1515 o altri numeri di pronto intervento. Segnalare il luogo dove si scorge il fumo o si vedono le fiamme,comunicando località e Comune. Non riagganciare fino a che l'operatore non abbia dato conferma. Non avere timore a fornire il proprio nome, cognome e telefono; si tratta di informazioni riservate, che non saranno comunicate a estranei, necessarie a chiedervi ulteriori dettagli e a scoraggiare le chiamate di disturbo.

Se possibile, fornire ulteriori informazioni: Entità e descrizione del fumo (colonna di fumo bianco leggero oppure colonna di fumo nero, colonna di fumo isolata oppure più colonne allineate). Presenza di abitazioni, elettrodotti, strade e ferrovie. Tipo di vegetazione e bosco: incolti, pascoli, pinete, querceti,macchia mediterranea, ecc.

 incendio boschivo

C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica