COMUNE Arpino

Arpino (FR) – Cascina Pelagalli – la meridiana unica in Italia

 

Arpino (FR) - Cascina Pelagalli - la  meridiana unica in Italia

In Italia sono state censite fino ad oggi oltre undicimila orologi solari, gran parte dei quali si trovano al Nord, soprattutto tra le regioni del Piemonte e Lombardia. Qui da noi, invece, nel Centro Italia, sono più rare, e forse anche più semplici, ma non per questo meno importanti dal punto di vista dell’importante ruolo che esse svolsero nel fornire il tempo ai nostri avi.

Tra le circa quarantacinque meridiane che tra il 1988 e il 1998 ho trovato negli angoli più remoti della Ciociaria, ve ne sono alcune a dir poco sorprendenti, nonostante la loro straordinaria semplicità.

Due veri e propri “tesori del Lazio” gnomonici, infatti, si trovano nella piccola frazione di Collecarino, a poche centinaia di metri dal centro storico della città natale di Cicerone: Arpino!

Ad Arpino (FR) nella stessa frazione di Colle Carino  dove è stata trovata la meridiana orizzontale collocata sotto il davanzale di una finestra del primo piano in una villa antica, in un'antica cascina si può vedere una vera e propria rarità.
 
Nella zona c'è una Cascina denominata "Pelagalli" (fig. 1), del XVIII secolo, residenza di personaggi illustri dell'epoca.
 
 
L'avevo visitata già diverse volte in precedenza, ma non vi avevo trovato mai indizi per qualche orologio solare. In genere guardavo sui muri del piazzale interno, sulle colonne di marmo, sui tavoli di marmo...ma niente. Fabio Notarantonio, che mi accompagnava, con mia grande sorpresa, mi dice che li c'è una meridiana davvero insolita e carina! Ma dove? 
 

Mi fa da guida e, giunti sul posto, mi indica il sito dello strumento. Una colonnetta in ferro, lavorata e installata, nello stile inglese dei "roman sundial" da giardino, esattamente nello spigolo sud del palazzo che è rivolto nel grande giardino (figg. 2-3). 

Vedevo la colonnetta ma non ancora la meridiana! Come un mago tira fuori dal suo cappello la colomba bianca, Fabio alza un cappello di vaga forma piramidale (ricorda forse il cappello di un ecclesiastico...) et voilà! Ecco che compare una bella meridiana orizzontale, scorniciata in perfetto stile inglese (fig.4).

Non vi è alcun dubbio: si tratta di un oggetto classificabile nello stile dei Roman Sundial inglesi da giardino, ma siamo ad Arpino! 

Innanzitutto devo dire che, per quanto io ricordi, si tratta dell'unica meridiana in territorio italiano (ma io di meridiane estere concepite in tal guisa non ne conosco) concepita in questo modo, cioè come in una scatola richiudibile o, se si vuole, dotata di una sorta di cappello probabilmente con l'intento di proteggerla in qualche modo dalle intemperie. 

 

E' l'unica spiegazione plausibile che io possa darmi. La meridiana è realizzata su una piccola lastra di marmo che segue la forma del coperchio, incastrata in un incavo interno sottostante (figg. 5-6 -7). 

Il tutto montato sulla colonnetta con un particolare: nella parte inferiore vi sono state collocate tre grosse viti che servivano a far ruotare la scatola sopra la base della colonna per regolare micrometricamente l'orientamento orizzontale della meridiana (fig. 8). Era quindi orientabile! 
 
 
Il tracciato orario è quello astronomico con le ore dalle VI del mattino alle VI del pomeriggio con suddivisione oraria di 15 minuti.
 
Le linee dei quarti d'ora sono molto brevi; quelle delle mezz'ore di media lunghezza e terminanti con un piccolo foro; quelle delle ore intere, le più lunghe e lo stesso terminanti con un foro.
 
La meridiana era già presente nell'attuale sito negli anni '50, come testimonia la signora che abita in questa cascina. 

Non è possibile sapere se essa è sempre stata dove si trova o se fu spostata da un altro luogo.

La colonnetta è stata restaurata, il quadrante in marmo no, come evidenziano i segni di rottura in alcuni spigoli e il deterioramento dei perimetri. 

 

La curiosità più forte è che essa è stata posizionata in modo errato (evidentemente dopo il "restauro") in quanto il Nord polare si trova nella direzione opposta, cioè l'assostilo è stato puntato a Sud invece che a Nord! E' quindi inutilizzabile allo stato odierno e comunque l'ombra dei grandi platani la ricopre quasi completamente per gran parte dell'anno. In definitiva, una bella sorpresa, in un territorio che non finisce di riservarne.

Dopo la meridiana orizzontale collocata sotto il davanzale di una finestra del primo piano in una villa antica di Collecarino,  ecco emergere a pochi km di distanza un'altro orologio solare con questa nuova caratteristica. Ora non ci resta che scoprire chi fu  il misterioso gnomonista di Arpino, autore della "meridiana in scatola" di Cascina Pelagalli.

  

Articolo e Fotografie liberamente concesse a "Tesori del Lazio" da Nicola Severino (12-2012)

Visualizza "Arpino (FR) – Cascina Pelagalli – la meridiana unica in Italia"
sulla nostra mappa interattiva

Nei dintorni....

Richiedi maggiori informazioni

CAPTCHA Image
C'è un Tesoro in ogni dove
Scopri la nostra Mappa Interattiva

Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale "Tesori del Lazio" - © Tutti i diritti riservati -
C.F. 97678830585 - Via Laura Mantegazza 45 - 00152 ROMA - Fax 06 99335415 - Iscriz. n. 164063 del Registro Nazionale CONI e Affiliata CSEN

web design Easy Grafica