Barbarano Romano (VT) - Necropoli di San Giuliano - Tomba del Cervo || Leggi tutti i dettagli su Tesori del Lazio
Downloads
Eventi nel Lazio
I tesori del Lazio
Gli Speciali
Outdoor

Home » I tesori del Lazio » Necropoli e sepolture » Barbarano Romano (VT) - Necropoli di San Giuliano - Tomba del Cervo

Barbarano Romano (VT) - Necropoli di San Giuliano - Tomba del Cervo

Barbarano Romano (VT) - Necropoli di San Giuliano - Poggio Caiolo - Tomba del Cervo

- Testi elaborati da TESORI DEL LAZIO (04-2014)

Nel Parco Naturale Regionale Marturanum, non lontano dal paese di Barbarano Romano (VT), tra una natura lussureggiante e forre scavate dai fossi dalle acque ancor oggi limpide, lungo tutte le valli che delimitano il pianoro di San Giuliano vi sono grandiose necropoli etrusche. 

Le tipologie funerarie che ritroviamo sono le più varie: dalle tombe a pozzetto o a fossa del sepolcreto villanoviano a quelle a camera ipogeae o alle grandi tombe a tumulo, poi a dado, a semidado e a dado finto, a porticato e a tetto displuviato dell'epoca arcaica (VI - V sec. a.C.). Dal IV secolo a.C. le camere funerarie si ricavano sotto al dado che è ormai utilizzato come un vero e proprio monumento..

Tra le necropoli di San Giuliano, di particolare importanza risulta quella posta sui pendii del Caiolo, che si differenzia dai grandi tumuli del Poggio Caiolo soprastante, per la presenza di grandi tombe a dado o semidado. Tra queste spicca l'isolato grandioso dado della Tomba del Cervo.

La facciata è decorata con una finta porta dorica a rilievo e la camera, raggiungibile attraverso un lungo dromos, è scavata sotto il dado stesso. la tipologia di tomba è tipica del tardo ellenismo (IV - III secolo a.C.)

Il dado è fiancheggiato da due lunghe scalinate ricavate sempre nel tufo e, in quella sinistra, più larga, vi è un bassorilievo raffigurante un cervo attaccato da un lupo o un cane. Da questa scena tre il nome la tomba. Non tutti gli studiosi concordano sull'ipotesi che sia di fattura etrusca, e tantomeno sulla rappresentazione simbolica attribuita al bassorilievo stesso. Il cervo rappresenterebbe l'Etruria e il lupo Roma che l'aggredisce.

Il graffito oggi costituisce il simbolo del Parco regionale del Marturanum.

La camera funeraria ipogea, rettangolare, è oggi praticamente spoglia perchè conteneva dei sarcofagi oggi custoditi nel vicino Museo Archeologico di Barbarano Romano. All'interno della tomba a ulteriore conferma della datazione sono stati trovati vasi a figure rosse, a vernice nera e a vernice rossa.

Visualizza "Barbarano Romano (VT) - Necropoli di San Giuliano - Tomba del Cervo" sulla mappa

Nei dintorni....

Visualizza nel dintorni:

Downloads
Eventi nel Lazio
I tesori del Lazio
Gli Speciali
Outdoor