San Donato Val di Comino (FR) - La meridiana di Piazza Carlo Coletti || Leggi tutti i dettagli su Tesori del Lazio
Downloads
Eventi nel Lazio
I tesori del Lazio
Gli Speciali
Outdoor

Home » Gli Speciali » Meridiane ed orologi nel Lazio » San Donato Val di Comino (FR) - La meridiana di Piazza Carlo Coletti

San Donato Val di Comino (FR) - La meridiana di Piazza Carlo Coletti

Fig. 1 San Donato (FR) - Meridiana di Piazza Coletti - Completa di tutte le informazioni gnomoniche

San Donato Val di Comino (FR) - La meridiana di Piazza Carlo Coletti

Iniziare il nostro viaggio alle pendici del Parco Nazionale d'Abruzzo è un'esperienza almeno entusiasmante. Chi va in cerca di meridiane, comincia a scrutare la forma che certi paesini hanno e come essi sono accomodati alle pendici di colline e monti in relazione ai punti cardinali da cui emergono, prima di arrivare in centro, le prime azzardate previsioni: "Qui sicuramente c'è. E' un paesino esposto esattamente a sud..." e via dicendo...
Chi arriva a S. Donato Val di Comino deve per forza pensare la stessa cosa, trovandosi di fronte un paese interamente spiegato verso sud, illuminato dal sorgere del sole al suo tramonto, senza interruzione alcuna per tutto l'anno.
La strada principale che porta al passo di "Forca d'Acero", passa per la piazza principale del paese. Qui è impossibile che allo sguardo sfugga una parete semicircolare di un edificio adibito a sezione di un partito politico, anche perché dà direttamente sulla strada. Nonostante la difficoltà della parete arcuata, un astronomo (o appassionato di astronomia) della fine del secolo scorso, scelse un punto esatto, corrispondente ad una declinazione della parete di 47' Est (azimut 89° 13' Sud-Ovest che egli ha misurato in senso antiorario da Nord) e vi impiantò una lastra di marmo con su disegnato un orologio solare.

"Sembra sia stato un ingegnere o forse un astronomo", sono le uniche informazioni avute da passanti e frequentatori abitudinari della Piazza Carlo Coletti. L'orologio riporta le ore Francesi dalle 7,30 alle 16,30 con suddivisioni intermedie di 5 minuti e le linee corrispondenti ai quarti e le mezze ore.

Fig. 2 San Donato (FR) - Meridiana di Piazza Coletti - particolare della parte alta
Sulla parte alta dell'orologio si legge "Latitudine nord 41° 42' S. DONATO Longitudine Est (Roma) 1° 21' - Declin. Quadrante 89° 13' Sud-Ovest". Le linee orarie corrispondenti alle 7,30 e 16,30 si congiungono con il centro dell'orologio in cui è impiantato l'assostilo.

Al di sotto di queste linee si legge MDCCCXCI, cioè 1891 che è l'anno in cui fu realizzato. Si legge poi LEVARE DEL SOLE - TRAMONTO ad indicare a che ora sorge e tramonta il sole nei giorni corrispondenti alle linee diurne di declinazione  che sono riportate nello spazio sottostante.

Lungo la prima linea, sulla quale è scritto SOLSTIZIO (22 DEC), si legge 7h 31m e 4h 29'. Ovvero il sole sorge alle 7 e 31 e tramonta alle 4 e 29 del pomeriggio. Le stesse indicazioni sono riportate per ogni linea diurna successiva con la data e i segni zodiacali.
Sotto la linea equinoziale è riportata la scritta EQUINOZI, mentre sull'ultima curva diurna, più corta, si legge SOLSTIZIO, relativo al 22 giugno.
La linea quasi verticale che interseca tutte le curve diurne non è la linea meridiana delle ore 12 vere locali, come si potrebbe credere in un primo momento, ma la linea del MEZZODI' DI ROMA, come scritto in senso verticale.

Fig. 3 San Donato (FR) - Meridiana di Piazza Coletti - Parte centrale con la lemniscata per il tempo medio di Roma

Quando l'ombra dello gnomone (in questo caso il foro di luce della piastra rotonda) tocca questa linea, l'orologio indica che in quell'istante si ha il mezzogiorno vero locale di Roma. Come è evidente, esso si ha circa 5-6 minuti dopo il mezzogiorno solare vero del luogo, per il quale vale la linea meridiana verticale che scende in giù a cominciare dalla curva diurna del solstizio estivo. Infine, attorno alla linea del mezzodì di Roma si estende una lunga curva a forma di otto. E' la lemniscata del tempo medio, riferita al tempo medio di Roma. Attorno a questa curva si leggono i nomi dei mesi. Le foto di questa meridiana le scattai il 19 marzo del 1988 ed è bene evidente la posizione del cerchietto di luce della piastra forata che precede di pochissimo la linea degli equinozi.

Stando alle informazioni prese sul posto, tutto il tracciato dell'orologio sarebbe stato ottenuto per mezzo di una colata di piombo fuso in orizzontale. L'assostilo è sorretto da altre due aste, e a breve distanza dal quadro è saldata una piastrina rotonda il cui "foro gnomonico", di circa 1 centimetro di diametro, rappresenta l'indice dello stilo polare. 

Fig. 4 San Donato (FR) - Meridiana di Piazza Coletti - Ombra del foro gnomonico prossima a percorrere la linea degli equinozi

E' un elemento caratteristico della piazza di S. Donato l'antica meridiana, che da oltre cent'anni ha misurato indistintamente all'uomo il tempo del lavoro, il tempo dell'amore, il tempo delle guerre, il tempo delle preghiere, il tempo del dolore, il tempo della pace, il tempo della gioia....il tempo che non ritorna più.

Articolo e Fotografie liberamente concesse a "Tesori del Lazio" da Nicola Severino (08-2012)

Visualizza "San Donato Val di Comino (FR) - La meridiana di Piazza Carlo Coletti" sulla mappa

Nei dintorni....

Visualizza nel dintorni:

Downloads
Eventi nel Lazio
I tesori del Lazio
Gli Speciali
Outdoor