Lo Statuto e i regolamenti
Downloads
Eventi nel Lazio
I tesori del Lazio
Gli Speciali
Outdoor

Lo Statuto e i regolamenti

Ogni associazione culturale o sportiva dilettantistica ha necessità di regolare la propria vita associativa mediante l'adozione di uno statuto che contenga i principi ispiratori, gli obiettivi, le norme che regolano il buon funzionamento e una macro descrizione delle attività.

Ciascuna associazione può essere costituita per atto pubblico, scrittura privata autenticata o scrittura privata registrata.

L'Associazione sportiva dilettantistica e culturale TESORI DEL LAZIO (di seguito semplicemente TESORI DEL LAZIO) è registrata presso l'Ufficio delle Entrate. L'atto costitutivo riporta la corretta denominazione sociale, la sede legale, i dati dei soci fondatori e dei componenti del Consiglio Direttivo.

Chi vuole perseguire con noi gli stessi obiettivi di diffusione della conoscenza, di valorizzazione e di difesa del patrimonio culturale e naturalistico del Lazio e regioni limitrofe come di seguito meglio specificato, potrà farlo diventando socio, facendone apposita richiesta, con l'impegno di attenersi allo Statuto e ad osservarne gli eventuali Regolamenti di seguito richiamati e le delibere adottate dagli organi dell'Associazione.

Lo status di Socio di TESORI del LAZIO dura 365 giorni dal rilascio della tessera sociale e dall'iscrizione nel Libro Soci.

I Soci sono tenuti al versamento del contributo associativo annuale stabilito in funzione dei programmi di attività. Tale quota è determinata annualmente per l'anno successivo con delibera del Consiglio Direttivo.

TESORI DEL LAZIO è iscritta nel Registro delle società ed associazioni sportive dilettantistiche del CONI ed è affiliata ad un Ente di Promozione Sportiva non esistendo una Federazione Sportiva nazionale che ci potesse riconoscere.

Di seguito troverete lo Statuto aggiornato al 14/12/2011:

 

STATUTO

DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA e CULTURALE “ TESORI DEL LAZIO

TITOLO I

COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE - SEDE

ARTICOLO 1

È costituita l’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale senza fini di lucro denominata “Tesori del Lazio - Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale senza fini di lucro” di seguito anche più semplicemente “Tesori del Lazio”, con sede legale in ROMA, Via Laura Mantegazza, n. 45, impegnata nella diffusione della conoscenza, nella valorizzazione e nella difesa del patrimonio culturale e naturalistico del Lazio e regioni limitrofe in tutte le sua espressioni di seguito meglio specificate.

La variazione della sede legale potrà essere deliberata dall’Assemblea straordinaria dei Soci e tale variazione della sede sociale non costituisce variazione del presente Statuto.

L’Associazione può istituire e/o abolire eventuali ulteriori sedi operative in altri luoghi in Italia ed all’estero sempre con delibera dell’Assemblea.

TITOLO II

FINALITÀ - SCOPI - OGGETTO SOCIALE

ARTICOLO 2

L’Associazione “Tesori del Lazio” è un ente di diritto privato apartitico e apolitico, non ha alcun fine di lucro ed opera per scopi sportivi, culturali, ricreativi e per l’esclusivo soddisfacimento di interessi collettivi.

L’Associazione “Tesori del Lazio” esplicitamente accetta ed osserva lo Statuto ed il Regolamento dell’Ente di Promozione Sportiva e/o delle Federazioni Sportive a cui intende aderire in base alla specifica attività svolta dall’Associazione stessa, nell’ambito dei propri fini istituzionali evidenziati dal presente Statuto.

L’Associazione “Tesori del Lazio” intende uniformarsi, nello svolgimento della propria attività, ai principi di democraticità della struttura, nonché di democraticità e pari opportunità nell’accesso alle cariche elettive. L’Associazione “Tesori del Lazio” ha per scopo:

a)    sviluppare, promuovere e coordinare eventi ed iniziative per la crescita della coscienza umana e sociale, in ogni ambito pubblico e privato, del patrimonio artistico, archeologico, architettonico, culturale e naturalistico della Regione Lazio e regioni limitrofe;

b)    sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi sociali, urbanistici, archeologici, culturali e architettonici che affliggono il territorio della Regione Lazio e regioni limitrofe;

c)    diffondere la conoscenza delle problematiche esistenti nella perdita del patrimonio archeologico, artistico e naturalistico in tutte le sue espressioni;

d)    operare nel campo della salvaguardia del patrimonio naturale, architettonico, archeologico, artistico, attuando, anche direttamente, iniziative culturali e turistiche, sociali e ricreative.

Per raggiungere le sue finalità istituzionali l’Associazione “Tesori del Lazio” promuove ed organizza iniziative di qualsiasi genere ed in particolare può:

a)    proporsi quale soggetto di aggregazione, assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile nei confronti del patrimonio artistico, archeologico, architettonico. culturale e naturalistico della Regione Lazio e regioni limitrofi;

b)    promuovere escursioni per valorizzare gli aspetti ambientali, culturali e storici del territorio e, inoltre, come occasione di socializzazione tra le persone; organizzando in proprio, o promuovendo l'organizzazione da parte di altri enti o gruppi di soci, di manifestazioni, gite, raduni e viaggi, studiando, pubblicando o realizzando percorsi ed itinerari turistici; promuovendo altre iniziative utili per realizzare tale finalità;

c)    organizzare congressi, seminari, corsi di formazione, stage, mostre, conferenze, incontri, laboratori, mostre e concorsi fotografici, manifestazioni ed escursioni pratiche purché consoni con i fini dell’Associazione;

d)    promuovere iniziative e proporre la realizzazione di strutture idonee per un ambiente, sia naturale che urbano, più pulito, più vivibile e che favorisca le relazioni sociali; promuovere un'azione culturale ed elaborare proposte concrete in tal senso;

e)    proporre iniziative editoriali e giornalistiche, utili per realizzare le finalità dell'associazione; quali a titolo esemplificativo: pubblicazione di libri, bollettini periodici e quaderni, e/o altre pubblicazioni periodiche e non, diffusione libraria, produzione di materiale audiovisivo e multimediale, realizzazione di iniziative sul web e gestione di trasmissioni e/o emittenti radio e televisive;

f)     attuare opere di sensibilizzazione dei cittadini come petizioni, proposte di legge di iniziativa popolare, manifestazioni di civile protesta e referendum per le finalità dell’Associazione;

g)    organizzare attività ricreative e culturali a favore di un migliore utilizzo del tempo libero, nonché creare appuntamenti culturali legati alla storia e tradizioni del territorio laziale e delle regioni limitrofe;

h)    elaborare, autonomamente o su incarico di enti pubblici ed organismi privati, studi e ricerche, piani di fattibilità, progetti di ogni genere e provvedimenti utili per realizzare le finalità statutarie e quelle di cui ai punti del presente articolo;

i)      implementare e/o gestire uno o più siti web per adempiere e/o coadiuvare le attività istituzionali;

j)      partecipare ad altre Associazioni, Fondazioni e cooperare con Enti Pubblici o Privati, Aziende Pubbliche o Private, che abbiano per progetto attività analoghe, affini o complementari a quella dell’Associazione;

k)    organizzare attività didattico-culturali nelle scuole, convegni, mostre, corsi, attività di formazione e progetti educativi scolastici ed extra-scolastici, produrre strumenti audiovisivi e multimediali, o quant'altro sia utile per favorire l'approfondimento tecnico o divulgare la conoscenza ad un più vasto pubblico in età scolare di tutti gli argomenti relativi alle finalità dell'Associazione;

l)      stipulare convenzioni e/o accordi con persone fisiche o giuridiche che svolgono attività inerenti alle finalità dell’Associazione;

m)   attuare alcuni servizi od agevolazioni ai propri Soci, o a quelli di associazioni collegate, in relazione all'uso di materiali/prodotti specifici per l’ escursionismo e il turismo;

n)    ottenere per i propri Soci, e per quelli di associazioni collegate, speciali facilitazioni ed agevolazioni da parte di altri enti, in relazione all'uso di materiali/prodotti/servizi specifici in relazione all’attività istituzionale;

o)    favorire i propri Soci, e quelli di associazioni collegate, nell'acquisto di materiali e beni collegati all'attività istituzionale;

p)    favorire lo studio e la ricerca del gusto attraverso la cura e la selezione dei prodotti agroalimentari prettamente tipici della Regione Lazio e regioni limitrofe;

q)    partecipare a bandi pubblici e/o privati per l’ottenimento di finanziamenti utili alla realizzazione delle attività statutarie.

ARTICOLO 3

Per perseguire gli scopi dell’Associazione potranno essere svolte le seguenti discipline sportive: escursionismo, orientamento, cicloturismo, trekking, speleologia, equitazione, alpinismo, sci alpinismo, nordic walking, sport invernali, attività subacquee.

L’Associazione potrà svolgere attività ricreativa in favore dei propri Soci, ivi compresa, se del caso, la gestione di un posto di ristoro, anche nella propria sede, sussistendone i presupposti.

TITOLO III

AMBITO - DURATA - GESTIONE

ARTICOLO 4

L’Associazione “Tesori del Lazio” svolge la sua attività in ambito nazionale ed internazionale.

La durata dell’Associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea straordinaria degli associati.

L'Associazione si scioglie per impossibilità a raggiungere gli scopi associativi. L'Assemblea in tal caso potrà procedere anche alla eventuale nomina dei liquidatori ed al conferimento dei loro poteri.

Il patrimonio dell'Associazione nel casi di scioglimento della stessa, verrà devoluto, previa deliberazione assembleare, a enti o ad associazioni che perseguano i medesimi scopi sportivi di “Tesori del Lazio”, o a fini di pubblica utilità salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

La gestione dell’Associazione è di competenza del Consiglio Direttivo che curerà l’attuazione di tutte le attività sociali.

TITOLO IV

SOCI

CAPO I

GENERALITÀ

ARTICOLO 5

L'associazione è aperta a chiunque ne condivida gli scopi e manifesti l'intenzione di aderire mediante la richiesta di adesione, il pagamento della quota sociale, della assicurazione obbligatoria e l'accettazione della tessera.

Possono essere soci dell’Associazione tutti coloro che condividendone gli scopi, si impegnano a realizzarli e accettano di attenersi al presente Statuto e all’eventuali regolamenti o provvedimenti del Consiglio Direttivo.

La consegna e/o l’invio della tessera è da intendersi anche quale atto di ammissione da parte dell’Associazione.

CAPO II

NUMEROSITÀ - TIPOLOGIE

ARTICOLO 6

Il numero dei soci è illimitato.

I soci si distinguono in fondatori, sostenitori, ordinari e onorari:

-       i soci fondatori sono coloro che sono intervenuti nella fase costitutiva, dando vita all’Associazione;

-       i soci sostenitori sono coloro che ritengono di condividere l’interesse dell’Associazione e intendono contribuire all’attuazione dello stesso interesse mediante conferimenti in denaro, beni patrimoniali o materiali e/o collaborando al raggiungimento dello scopo sociale. I soci sostenitori non sono obbligati a versare le quote associative per il periodo di riferimento (annuale) se non diversamente stabilito annualmente dal Consiglio Direttivo.

-       i soci ordinari sono coloro che verranno ammessi dal Consiglio Direttivo dopo apposita domanda di iscrizione scritta e firmata e relativo consenso alla pubblicazione di foto e/o di video effettuati durante i momenti delle attività associative in seguito alla quale verrà rilasciata la tessera associativa. Potranno essere soci ordinari persone di ogni nazione, età (per i minori vedasi art.8), sesso, cultura, religione (vietato ostentarle, evidenziarle, mitizzarle, lodarle, diffonderle, propagarle, enfatizzarle), stato sociale, livello economico e occupazione.

-       i soci onorari sono persone fisiche, giuridiche, enti pubblici o privati che abbiano acquisito particolari meriti per la loro opera a favore dell’Associazione o che siano impossibilitati a farne parte effettiva per espresso divieto normativo. I soci onorari non sono obbligati a versare le quote associative annue per tutto il tempo della onorificenza (annuale). L’appartenenza a tale categoria è stabilita o riconfermata dal Consiglio Direttivo.

Altre categorie di soci potranno essere deliberate dal Consiglio Direttivo senza costituire variazione del presente Statuto.

CAPO III

QUOTA DI ADESIONE

ARTICOLO 7

Il Consiglio Direttivo stabilisce annualmente le quote di adesione per l'anno sociale successivo, differenziate tra soci ordinari ed altre categorie di soci che il Consiglio Direttivo stesso può individuare per particolari scopi promozionali o già individuate nel presente Statuto, e per i servizi utilizzati.

Quote o contributi associativi aggiuntivi sono previsti per il pagamento di corrispettivi specifici. Ogni socio deve versare la quota associativa salvo diversa disposizione del Consiglio Direttivo.

Nella quota di adesione è compresa l’assicurazione obbligatoria base, ogni socio avrà la facoltà di stipulare polizze più adeguate alle proprie esigenze tra quelle proposte dall’Associazione in aggiunta a quella base.

Le quote o i contributi associativi sono intrasmissibili (ad eccezione dei trasferimenti in caso di morte) e non rivalutabili.

In caso di perdita della qualifica di socio non sarà possibile richiedere alcun compenso, indennità e/o rimborso di una quota di quanto versato, né reclamare alcun diritto sul patrimonio dell’Associazione.

CAPO IV

DIRITTI E OBBLIGHI DEI SOCI

ARTICOLO 8

Il socio maggiorenne ha diritto di :

-       partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione, previo il rispetto dei Regolamenti Interni attuativi per le varie attività ;

-       partecipare alle Assemblee con uguale diritto di voto;

-       partecipare alle elezioni degli organi direttivi;

-       consultare liberamente le deliberazioni e i libri sociali;

-       godere dei benefici originati dalle attività associative.

Il socio è tenuto a:

-       osservare lo Statuto, i regolamenti e le deliberazioni assunte dagli organi sociali;

-       versare il contributo associativo annuale stabilito dal Consiglio Direttivo e in funzione dei programmi di attività, entro 10 giorni dall’atto di iscrizione all’Associazione.

-       adempiere, nei modi e nei termini previsti, agli obblighi assunti nei confronti dell’Associazione.

In caso di domanda di ammissione a Socio presentata da un minorenne, la stessa dovrà essere controfirmata dall’esercente della podestà parentale. Colui che sottoscrive la domanda rappresenta il minore a tutti gli effetti nei confronti dell’Associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni del socio minorenne. Il Socio minorenne non ha diritto di partecipare alle Assemblee né di partecipare alle elezioni degli organi direttivi.

CAPO V

PERDITA DELLA QUALIFICA DI SOCIO

ARTICOLO 9

La qualifica di socio si perde per recesso, esclusione, radiazione, decesso e per scioglimento dell’Associazione:

a)    recesso– Il socio receduto non ha diritto ad alcun compenso, indennità e/o rimborso di quanto versato (contributo sociale annuo). È necessaria una comunicazione scritta al Consiglio Direttivo.

b)    esclusione – Si rientra nel caso della esclusione in caso di:

-        non adempimento delle disposizioni del presente Statuto, dei regolamenti e delle deliberazioni degli organi associati, degli Enti di promozione Sportiva cui l’Associazione aderisce e/o di quelle assunte nei confronti di terzi per conto dell’Associazione;

-        morosità in caso di mancato pagamento delle quote associative;

-        qualora il socio svolga attività contrarie agli interessi dell’Associazione.

Il Consiglio Direttivo delibererà in merito sulla esclusione del socio dalla vita associativa dopo aver valutato i singoli casi.

c)    radiazione – Si rientra nel caso della radiazione in caso di:

-        gravi danni materiali o morali all’Associazione o ai suoi aderenti;

-        atti disonorevoli o in contrasto con quanto previsto dal presente Statuto

-        intervenuti gravi motivi che rendano incompatibile la prosecuzione del rapporto associativo (ad esempio atti che possano danneggiare o hanno danneggiato iscritti, beni o l'Associazione in termini di immagine e considerazione, ecc. o atti contrari a regolamenti e leggi come screditamento, offese, insulti, calunnie, diffamazione, minacce, aggressione, denigrazione all’accompagnatore di una escursione o ad un istruttore/docente di un corso, seminario o similare soprattutto se in pubblico).

d)    decesso.

e)    scioglimento dell’Associazione come previsto nell’articolo 4 del presente Statuto.

Le deliberazioni prese in materia di recesso, esclusione e radiazione debbono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera cartacea. Qualora l’escluso non condivida le ragioni addotte può, entro 10 giorni, ricorrere con richiesta scritta all’Assemblea dei soci il cui responso è insindacabile. Le dimissioni hanno effetto a partire dalla annotazione nel libro soci.

TITOLO V

GLI ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

CAPO I

GENERALITÀ

ARTICOLO 10

Sono organi dell’Associazione:

-        l’Assemblea dei soci

-        il Consiglio Direttivo

-        il Presidente del Consiglio Direttivo

Le cariche degli organi dell'Associazione sono elettive e gratuite.

CAPO II

L’ASSEMBLEA

ARTICOLO 11

L’Assemblea è l’organo sovrano dell’Associazione e possono parteciparvi tutti i soci maggiorenni in regola con il versamento della quota associativa.

L’Assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo in:

-       via ordinaria almeno 1 (una) volta all’anno e la prima entro 4 mesi dall’inizio dell’esercizio. La comunicazione della convocazione potrà avvenire utilizzando qualsiasi mezzo che ne consenta un’idonea pubblicità (lettera, avviso scritto, pubblicazione sul sito dell’Associazione, e-mail, etc) almeno 15 (quindici) giorni prima della riunione e deve contenere il luogo dell’incontro, il giorno, l’ora e l’ordine del giorno della riunione stessa;

-       via straordinaria qualora lo richiedano 1/3 (un terzo) dei soci su richiesta fatta al Presidente o su richiesta di un socio fondatore. La comunicazione della convocazione potrà avvenire secondo le modalità utilizzate per quella ordinaria e almeno 1 (uno) giorno prima del giorno fissato per la riunione.

Le votazioni avvengono per alzata di mano salvo che per la nomina del Consiglio Direttivo che avviene a scrutinio segreto seguendo il principio del voto singolo di cui all’art.2358 c.c..

All’Assemblea dei soci spettano almeno i seguenti compiti:

a)    in sede ordinaria:

-        approvare il bilancio preventivo e quello consuntivo;

-        procedere alla nomina delle cariche sociali;

-        deliberare i programmi elaborati dal Consiglio Direttivo;

b)    in sede straordinaria:

-        deliberare le modifiche dello Statuto;

-        deliberare lo scioglimento dell’Assemblea

-        deliberare su ogni altro argomento di carattere straordinario.

Le deliberazioni dell’Assemblea in sede sia ordinaria sia straordinaria sono prese a maggioranza di voti e con la presenza di almeno metà degli associati più uno. In seconda convocazione le deliberazioni sono valide qualunque sia il numero degli intervenuti, deliberando con il voto dei presenti.

Le delibere dell’Assemblea devono essere portate a conoscenza dei soci con le medesime modalità previste per la sua convocazione.

ARTICOLO 12

La delega assembleare deve essere firmata dal delegante, intestata al delegato, datata e riportare a quale assemblea si riferisce. Durante la votazione restano depositate presso la presidenza e poi unite al verbale. Sono prima sottoposte a verifica da una commissione di associati presenti scelti a caso. Ciascun delegato non può rappresentare più di 1 (uno) associato.

CAPO III

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

ARTICOLO 13

Il Consiglio Direttivo è formato almeno da un Presidente, un Vice-Presidente e da un Segretario - Tesoriere.

Le cariche di Presidente e Vice-Presidente, per il primo Consiglio Direttivo, vengono elette direttamente dall’Assemblea dei soci fondatori.

I componenti del Consiglio Direttivo restano in carica 5 (cinque) anni e sono rieleggibili.

Fanno permanentemente parte del Consiglio Direttivo i Soci Fondatori, a cui si aggiungono uno o più Membri Aggiunti.

Il Consiglio Direttivo ha i più ampi poteri per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’Associazione e per la sua amministrazione ordinaria e straordinaria.

Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario oppure se ne sia fatta richiesta da almeno 5 (cinque) soci, senza formalità.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

-        preparare i programmi da sottoporre all’Assemblea;

-        attuare le finalità previste dallo Statuto e curare l’esecuzione delle deliberazioni assembleari;

-        redigere il bilancio consuntivo e quello preventivo da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;

-       stipulare tutti gli atti e contratti inerenti all’attività sociale, come ad esempio l’apertura dei conti correnti bancari e/o postali, etc.;

-       deliberare sull’ammissione ed esclusione dei soci;

-       nominare i responsabili delle commissioni di lavoro e dei settori di attività in cui si articola la vita dell’Associazione con compiti e poteri particolari;

-       redige gli eventuali regolamenti interni all’attività sociale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;

-       determinare l’importo delle quote annue associative.

Il Consiglio Direttivo è eletto ogni 5 (cinque) anni dalla Assemblea Generale ordinaria, e i componenti potranno essere minimo 3 (tre) massimo 5 (cinque), con presenti le cariche di Presidente, vice Presidente, Tesoriere, Segretario.

I componenti del Consiglio Direttivo sono rieleggibili e le cariche sono assegnate nell’Assemblea stessa.

Per candidarsi a Membro Aggiunto del Consiglio Direttivo occorre essere maggiorenni, iscritti regolarmente da almeno 5 (cinque) anni consecutivi, aver cumulato almeno 15 (quindici) tra attività istituzionali e incarichi istituzionali nel corso dei 5 (cinque) anni.

CAPO IV

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

ARTICOLO 14

Il Presidente convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo e quelle dell’Assemblea, vigila sullo svolgimento di ogni attività associativa, tutela la dignità e il prestigio dell’Associazione.

Il Presidente ha la rappresentanza e la firma legale dell’Associazione.

Il Presidente è delegato, con potere di firma disgiunta, a compiere tutti gli atti volti al compimento ed al conseguimento del riconoscimento della personalità giuridica dell’Associazione presso le autorità competenti.

In caso di urgenza il Presidente può compiere ogni atto necessario per la tutela degli interessidell'Associazione, con eventuale successiva ratifica da parte del Consiglio Direttivo.

CAPO V

IL VICE-PRESIDENTE

ARTICOLO 15

Il Vice-Presidente sostituisce ed esplica le funzioni, in caso di impedimento od assenza, del Presidente e in quelle mansioni nelle quali venga espressamente delegato dallo stesso.

CAPO VI

IL SEGRETARIO E IL TESORIERE

ARTICOLO 14

Il Segretario redige i verbali delle riunioni assembleari e del Consiglio Direttivo, è incaricato della tenuta dei documenti e della corrispondenza sociale e dà esecuzioni alle delibere del Presidente e del Consiglio Direttivo.

Il Tesoriere è responsabile della gestione dei registri contabili e dell’eventuale cassa, nonché delle riscossioni e pagamenti da effettuarsi previo mandato del consiglio Direttivo. Le due figure possono essere ricoperte anche da 1 (una) sola persona.

TITOLO VI

PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE ED ESERCIZIO SOCIALE

ARTICOLO 15

Il patrimonio che costituisce il fondo comune dell'Associazione è costituito da:

-       tutti i beni mobili ed immobili di proprietà dell’Associazione;

-       eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;

-       eventuali erogazioni, donazioni e lasciti provenienti a qualsiasi titolo dagli associati, da enti pubblici e privati, nazionali o esteri.

Le entrate dell’Associazione per il conseguimento dei fini istituzionali sono costituite da:

-       quote di adesione all’Associazione e da eventuali quote aggiuntive per il pagamento di corrispettivi specifici;

-       utili provenienti da attività e/o manifestazioni permanenti od occasionali senza fini di lucro deliberate dall'Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo;

-       introiti provenienti da accordi di pubblicità e sponsorizzazione o da ogni ulteriore eventuale entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale;

-       da introiti derivanti da eventuale gestione di un bar o spacci interni gestiti dai Soci, nonché dalla vendita/affitto ai Soci di materiali e abbigliamento sportivo necessario per la pratica sportiva;

-       iniziative promozionali.

Nello svolgimento delle proprie attività l’Associazione non potrà prevedere né effettuare, anche in modo indiretto, distribuzione di utili, di avanzi di gestione, di fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Eventuali avanzi di gestione saranno interamente destinati al perseguimento degli scopi sociali.

L’Associazione potrà erogare compensi, premi, indennità di trasferta e rimborsi forfettari di spesa nei limiti e con le modalità previste dalla vigente disciplina legislativa sia per l’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche che nell’ambito amministrativo-gestionale a condizione che detti importi non eccedano il limite che possa presupporre ad una distribuzione indiretta di utili o avanzi di gestione.

ARTICOLO 16

L'esercizio sociale decorre dal 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno, ad eccezione del primo esercizio che avrà durata dalla data dell'atto costitutivo al 31 dicembre dell'anno successivo. Per ogni esercizio è previsto un bilancio preventivo ed un bilancio consuntivo.

I bilanci sono predisposti dal Consiglio Direttivo e approvati dall'Assemblea.

Il bilancio consuntivo è approvato dall'Assemblea generale ordinaria con voto palese e con le maggioranze previste dallo Statuto; deve tenersi entro il termine di quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio.

Il bilancio preventivo è approvato dall'Assemblea generale ordinaria con voto palese e con la maggioranza prevista dallo Statuto.

Sia il bilancio consuntivo sia il bilancio preventivo sono messi a disposizione di tutti i soci, che ne richiedono la visione, almeno 20 (venti) giorni prima dell'Assemblea ordinaria.

TITOLO VII

ACCETTAZIONE E REVISIONE DELLO STATUTO

ARTICOLO 17

L'iscrizione all'Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale “Tesori del Lazio” implica per i soci l'accettazione in toto del presente Statuto.

Eventuali modifiche del presente statuto dovranno essere deliberate dall'assemblea  convocata secondo le modalità già stabilite nello statuto in vigore. L'assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno la metà degli associati più 1 (uno) e in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

TITOLO VIII

REGOLAMENTI ACCESSORI

ARTICOLO 18

L’Associazione potrà emanare nuovi Regolamenti Interni per meglio descrivere le attività indicate nel presente statuto (ad esempio attività istituzionali, incarichi istituzionali, ecc.) e dirimere eventuali dubbi di interpretazione. I Regolamenti e/o loro modifiche potranno essere decisi a seguito di un’Assemblea straordinaria secondo le modalità stabilite nel presente statuto. L’istituzione di un Regolamento interno o la sua revoca non costituisce variazione al presente Statuto.

TITOLO IX

NORME DI RINVIO

ARTICOLO 19

Per quanto non previsto nel presente Statuto si applicano in quanto compatibili, le disposizioni dello Statuto e dei Regolamenti dell’Ente o degli Enti di Promozione Sportiva a cui “Tesori del Lazio” è affiliato. Su espresso mandato assembleare si dichiara come integralmente recepita ed approvata ogni variazione che il CONI o le Federazioni Sportive Nazionali o gli Enti di Promozione Sportiva, alle quali l’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale “Tesori del Lazio” è affiliata, possano apportare in futuro ai propri Statuti e ai Regolamenti, nella certezza che queste variazioni siano in armonia con le vigenti Leggi dello Stato.

Per quanto non espressamente contemplato nel presente Statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di Legge vigenti.

Le parti

Firma del Socio Fondatore PRESIDENTE

Firma del Socio Fondatore VICE-PRESIDENTE

Giovanni Garofoli

Massimo Pesci

 

Il presente Statuto è stato approvato dall’Assemblea generale dei Soci del 14/12/2011.

Firma del SEGRETARIO

Firma del PRESIDENTE

Elisabetta Bartoli

Giovanni Garofoli

 

Archivio Articoli Completo »